Semplificare

guardaroba e lavanderia salute e benessere spiritualità zona etica qui e ora semplicità

irene70 - disiscritto irene70 14 luglio 2015 — Semplificare al massimo (il massimo per ognuno, quindi non per tutti sarà uguale) ogni aspetto della nostra vita pratica e mentale porta notevolissimi benefici  e di varia natura:

  • di natura ecologica (ed è quello che è più attinente alla finalità di Contiamoci): eliminando buona parte dei bisogni indotti saremo portati a comprare e a consumare meno prodotti con la conseguente minore produzione di rifiuti e "cose" da smaltire (oltre che minore "produzione" di  impatto ambientale);

  • di natura economica, per ovvi motivi, anche se all'inizio magari ci vuole un investimento in cose forse più costose, che possano cioè  durare di più (ammesso che esistano ancora le cose "che durano di più", nell'era dell'obsolescenza programmata).

  • di natura organizzativa: meno cose abbiamo da gestire (case, oggetti, vestiti, impegni, telefoni, vacanze forzate, relazioni sociali, ecc.) e meno ci dovremo preoccupare di dare il meglio e sembrare perfetti ai nostri occhi (terribili!) o a quelli degli altri, di fare sempre tutto e tutto in fretta.

  • di natura psicologica: di conseguenza, meno stress derivato dall'avere troppe cose e situazioni sotto controllo. I pensieri saranno più liberi e meno compressi e una volta che ci si accorgerà di questo difficilmente si tornerà al caos sovraffollato di stimoli.

La semplicità "globale"che deriva dal trovare ciò che per ciascuno è l'essenziale irrinunciabile (e che per ognuno è diverso e quindi non si possono dare suggerimenti), e poco altro in più, penso sia uno degli ingredienti della serenità (ché felicità è parola troppo grossa!). "Semplicizziamoci" tutti! :)

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Avere troppe scelte non ci semplifica la vita, anzi: in foto due pagine sulle Troppe scelte (riferito alla parte di mondo cosiddetta "ricca"), tratto da "L'economia del Buddha" - Claire Brown -2018

don_chisciotte
don_chisciotte

Appena finito di ascoltare "Gli Oggetti" prosa di Giorgio Gaber tratta da "Polli di Allevamento" (1978).

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Semplifichiamoci la vita anche provando a respingere quello che non sentiamo realmente funzionale alla nostra 'sopravvivenza' (in senso anche mentale ovviamente) riza.it (ma periodi di 'zombietudine altalenante' penso siano normali per tutti).

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

In questo articolo greenme.it danno alcuni consigli sensati riguardo a questa pratica, articolati in vari punti (il punto n.4 è secondo me il più difficile!).

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Se per te il punto 4 è il più difficile, leggi questo articolo cpiub.com magari trovi un aiuto. Io ho trovato la soluzione nelle piccole cose, stare nel presente, nel qui e ora, l'unico momento che spegne la mente. E la prossima volta che la mente prende il sopravvento e ti rimanda nel passato, te ne accorgerai. Sarai sempre più vigile.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Grazie Granitas! Mi è piaciuto molto questo testo che hai consigliato, anche perché comincia così:"Immagina la tua mente come un mare in tempesta..." e quindi ho pensato subito 'perfetto, vado alla grande allora...!!' :D, no, (quasi) scherzi a parte, è davvero utilissimo quel consiglio del "qui e ora", ci sto riuscendo qualche volta ma devo applicarmi di più, però lo consiglio veramente anch'io a tutti "i mari in tempesta". Ciao, grazie ancora! :)

bebabi34
bebabi34

aggiungerei: non aver paura di sbagliare. rischia di fare la scelta sbagliata su cose abbastanza superflue invece di buttare troppo tempo nella ricerca della soluzione ottimale. lo sbaglio produce esperienza, il tempo si spreca e basta.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Eh sì, hai proprio ragione Bebabi, a volte un "semplice" sbaglio (non su cose vitali, ovviamente) insegna molto di più rispetto a scelte giuste ma troppo ponderate... e poi chissà cos'è veramente "giusto"! (Che poi c'è sempre in noi una componente profonda e istintiva che subito ci dice cosa fare, ma il più delle volte non le diamo ascolto... ma per la categoria "sbagli" si potrebbe aprire un blog a parte!).

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Oggi ho letto di sfuggita questa frase: «Non temere gli errori. Non ce ne sono. Non esistono note sbagliate» del grande jazzista Miles Davis (e se lo dice lui!), poi sono andata a rileggerla, e a rileggerla ancora: è decisamente consolante!

don_chisciotte
don_chisciotte

Eh si, ma se ascolti gli album di Miles Davis soprattutto quelli del periodo elettrico che hanno rivoluzionato il jazz, di cui Bitches Brew e' la massima espressione, ti renderai conto della complessita' della sua musica/arte, dove il 90% era improvvisazione, e anche l'errore aveva un senso perche' faceva parte del tutto. A volte capitava che se uno del gruppo prendeva una strada sbagliata, gli altri lo seguissero per asseccondarlo e quindi l'errore non era piu' tale ma l'inizio di un nuovo percorso musicale del brano (...ed anche le droghe in questo senso aiutavano...). Vallo a spiegare al tuo capo, quando ti riprende perche' hai sbagliato, che invece va tutto bene perche' tu ascolti Miles Davis...sono tutte ottimi suggerimenti ma bisognerebbe vivere in un mondo diverso dal nostro per apprezzarli e metterli in pratica veramente...purtroppo! Per capire quella musica ci vuole un orecchio abituato ad un certo genere musicale e che si sviuluppa solo con tanto (ma tanto) allenamento. Ciao! C

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

eh, ma sai sono un po' scemetta io, vivo sulle nuvole... ma cercherò di stare più zitta in futuro, (ma lì nella Mancha, solo mulini da abbattere?).

don_chisciotte
don_chisciotte

Ah ah ah. No per fortuna...avrei anche una trentina di album di Miles Davis da ascoltare...proprio adesso ne ho messo su uno in macchina, del 1955, il primo album del Miles Davis Quintet...musica che aiuta ad abbattere i mulini!!!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

No ma seriamente D., accetta anche il valore di una metafora (vera o presunta)perché altrimenti sempre e solo il puro senso letterale dà concretezza sì, ma a lungo andare taglia le ali. E in questo, di mondo, dobbiamo sopravvivere. (E poi anche i capi sbagliano, prima o poi!).

don_chisciotte
don_chisciotte

Ma si certo è che Miles Davis non è Toto Cutugno capisci? Hai tirato in ballo uno che già musicalmente è difficile da capire per cui la mia riflessione è venuta così spontanea. Magari tutti ascoltassero/capissero Miles...e poi io sono il primo a dire di cominciare a vedere le cose sotto un'altra ottica. Ciao!

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.