Boschi vivi 72dpi

salute e benessere spiritualità zona etica bosco cimitero commemorazione defunti cremazione dispersione ceneri

CioriCio CioriCio 29 giugno 2018 — Una nuova possibilità di scelta per la commemorazione dei nostri cari defunti, in un bosco, ai piedi dell'albero scelto e corredato da una piccola targa. È il progetto della Cooperativa Boschi Vivi, che gestisce il primo bosco commemorativo in Italia, a Urbe (Savona).

Il bosco è un ambiente armonioso, dove è possibile godere del potere rigenerante e rasserenante della natura, affinché il nostro ricordo non sia relegato in un ambito chiuso e austero, ma ad un luogo naturale aperto e vitale.
L’albero simboleggia la vita e la sua ciclicità. Ricordi ed esperienze rivivono in un albero e nel suo maturare attraverso le stagioni e il tempo: nel ciclo annuale delle foglie, nella crescita dei rami e nel consolidamento del tronco, che il passare degli anni rendono sempre più unico e particolare.
Per maggiori info e contatti al sito boschivivi.it

Commenti

merchemas
merchemas

Ho scritto, purtroppo in spagnolo (e non ho il tempo di tradurlo) un articolo sulle alternative ecologiche e i problemi della sepoltura con legni pregiati.

ECO-ENTIERROS: MORIR LIGEROS ... como queremos vivir

Tradotto con google translate

ECO-BURIALS: DYING LIGHT ... come vogliamo vivere

La morte è una certezza che accompagna tutti gli esseri umani. Qui vogliamo riflettere sul modello delle nostre tombe e su come morire leggermente su una terra di cui siamo ospiti di passaggio. I nostri attuali modelli di sepoltura dei consumatori esprimono disprezzo per la terra che abbiamo ricevuto in custodia.

Un po 'di storia

Tradizionalmente il cadavere è stato separato dai vivi per motivi igienici, ma con una simbologia per dare un senso all'assenza. Questo spiega sepoltura, cremazione, immersione o cannibalismo. Questa simbologia è solitamente correlata al ritorno alla terra, all'acqua, alla purificazione del fuoco. 30.000 anni fa le sepolture assumono un carattere religioso. Ad un certo punto della storia dell'umanità sorge la credenza nell'aldilà e questa visione della trascendenza si evolve con espressioni rituali che attraversano l'imbalsamazione o la mummificazione. Gli Indoerupeos introducono l'incenerimento nella penisola iberica. Con il ritorno del cristianesimo, la sepoltura ritorna. Oggi, in Spagna, per essere sepolto devi ottenere una licenza di sepoltura. Quindi il furetto o l'urna vengono acquistati (se inceneriti) e il trasferimento al cimitero / crematorio viene contratto. Ci sono ulteriori vantaggi come l'estetica, la gestione la concessione di tombe, l'assunzione di pompe funebri, le sale del lutto, religioso o funerale civile, noleggio auto, pubblicazione di necrologi e realizzazione di promemoria, presentazioni di libri, fornitura di ornamenti floreali, cadute e ornamenti, pratiche assicurative, ecc. In Spagna è vietato seppellire o incenerire cadaveri senza bara. C'è una terza opzione: la donazione per la scienza o per i trapianti (uno esclude l'altro).

L'incenerimento, moda non molto sostenibile

L'incenerimento fu proibito in Spagna dalla Chiesa cattolica fino al 1964. Per costruire il primo crematorio (1973) era necessario essere d'accordo con la gerarchia ecclesiastica. Il progresso igienico e il risparmio di terra hanno promosso la sua approvazione e diffusione. Oggi la tendenza è in crescita (20%), anche se in Occidente suscita anche una certa riluttanza. Alcune comunità religiose si oppongono (musulmani, ebrei, cristiani ortodossi), poiché hanno come precetto di apparire davanti a Dio con tutto il corpo.

Per calcolare l'incenerimento "impatto ambientale" deve sapere che la portata di gas è di grandi dimensioni, come la temperatura dovrebbe raggiungere i 700 gradi (il corpo umano contiene 90% di acqua) e la cremazione emette inquinanti diossina dalla combustione del corpo, della tappezzeria sintetica interna e delle vernici della bara. La contaminazione del mercurio dalla combustione dei metalli (protesi dentarie e altro ...) è forte e poche fornaci sono dotate di filtri efficienti come richiesto dall'Unione Europea. Le ceneri non sono di solito un grosso problema, il problema più grande è l'abbandono delle urne nei mari e nelle foreste. La verità è che la cremazione oggi non è un'alternativa sostenibile in quanto responsabile del 16% dell'inquinamento atmosferico e dell'effetto serra.

Seppellire qual è la bara più "etica"?

I materiali utilizzati nelle bare variano. In Europa il classico è realizzato in legno di cedro o mogano. I più preziosi in Africa o in Asia sono il marmo o l'avorio. L'uso delle bare in legno risponde a un'inerzia culturale. Recentemente, sono stati autorizzati nuovi materiali sintetici come plastici vegetali e poliuretani. In Spagna uno di questi è conosciuto come "maderon" (gusci di mandorle e code sintetiche) ed è venduto come materiale ecologico. Lontano dalla realtà, perché il suo incenerimento o sepoltura è tossico per l'ambiente. Possono essere adatti come tariffa di trasferimento. Oltre ai modelli tradizionali (economico, esecutivo, presidente e superlux) ci sono bare cofani ecologici pieghevoli o pezzi montabili con foglio istruzioni. Ci sono bare di cartone riciclato, sviluppate in Inghilterra dal 1994, autorizzate a Barcellona. Quelli predominanti in Europa sono di legno nobile simile al mogano, che proviene dal continente africano o americano, a volte da sfruttamenti illegali o da abbattimenti clandestini. La Spagna è il decimo importatore mondiale e il 2 ° europeo in legno tropicale per compensato, parquets, mobili, porte ... Il commercio di legname tropicale minaccia le foreste. Le cifre sono allarmanti e l'uso funerario del legno del settore è compreso tra il 70% e il 90%. Legno di alta qualità che marcisce o diventa cenere. Un'opzione alternativa è quella che è nota come schede MDF (Medium Density Fireboard) realizzate con la frantumazione dei pezzi di legno rimasti dai processi industriali. La pressatura di segatura ad alta temperatura consente di produrre tavole per bare e altri prodotti. Questi pesano di più ma sono di bassa categoria e a basso costo. Essere un materiale riutilizzato è un'alternativa ecologica. Ma per quelli che vogliono il legno massiccio ci sono due possibilità. Legno certificato (il sigillo FSC garantisce che i boschi di origine siano rigenerati e gestiti con criteri di sostenibilità e legalità). O la bara riutilizzabile (proposta da una cooperativa coreana Adean). È una bara classica che contiene un altro interno, meno prezioso, che è quello che viene sepolto o incenerito. L'esterno funziona come un affitto e può essere riutilizzato, risparmiando gran parte dei 10 milioni di alberi che vengono tagliati ogni anno per le bare.

Cimiteri naturali

In molti paesi la consapevolezza ha portato alla costruzione di cimiteri foreste naturali in cui è consentita la sepoltura con la singola infilare o bare biodegradabili, dove alberi e fiori sono piantati al posto di lapidi per facilitare l'integrazione del corpo a terra con impatto ambientale minimo e dispendio di risorse. Il corpo diventa parte del cibo per gli alberi del parco. Questi spazi si adattano la loro gestione della salute per garantire condizioni igieniche e non causare epidemie. E 'un modo minore, ma dal 1996 questi cimiteri sono aumentati in tutto il mondo. Allo stesso modo ci sono crematori inglesi accettano avvolte solo cadavere senza bara.

Abbiamo proposto alcune riflessioni. Ora tocca a voi di fare la vostra scelta per il futuro che certamente viene a tutti noi. Probabilmente non abbiamo mai discusso di questo problema con le nostre famiglie. The Feast of All Saints è una buona occasione per farlo. Fino a nostra morte siamo in grado di decidere quanto pesano sulla creazione che abbiamo ricevuto in dono.

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Ciao Mercedes, l'ho tradotto con google translate. Mi dici qual è la fonte dell'articolo? Grazie

merchemas
merchemas

L'ho scritto io.... :) (hai corretto google translator?)

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

In che senso?

merchemas
merchemas

google translator scrive delle cose assurde, che vanno corrette, altrimenti non si capisce il senso. Hai corretto l'articolo tradotto oppure lo hai postato così senza correggere gli errori?

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

L'ho postato così, non ho avuto il tempo di correggerlo. Su Contiamoci non aveva senso lasciarlo in spagnolo. Se hai tempo e voglia rileggilo e apporta le modifiche che credi.

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

oppure accedi con email e password. Non hai ancora un account? Registrati.

oppure usa email e password. Hai già un account? Accedi.

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere un'email e scegliere una nuova password.

{{ errors.first('authentication') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
{{ errors.first('email:server') }}
Inserisci una password
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.

Ricezione email

Per poterti contattare per email abbiamo bisogno del tuo permesso: inviamo una newsletter circa una volta la mese con informazioni, approfondimenti e promozioni, e una email riepilogativa periodica. Puoi accendere o spegnere le email che ti mandiamo in qualsiasi momento e puoi deciderne la frequenza mediante la pagina Notifiche.