cucina e dispensa ricette ricetta salva avanzi

Gigi Gigi 09 aprile 2013 — Ci sono tanti modi per utilizzare gli scarti delle verdure: dalla preparazione del compost, al brodo vegetale di autoproduzione. Ma il metodo più semplice, sbrigativo e sicuramente economico è quello della vellutata.

Procedimento: raccogliere tutti gli scarti (lavati accuratamente) in un contenitore ermetico. Una volta raggiunto un quantitativo considerevole tagliarli a pezzetti e metterli a bollire. Quindi filtrare il brodo (che useremo, ad esempio, per un risotto) e a parte frullare gli scarti con olio e le spezie che più piacciono (vellutata). Due piatti in un colpo solo. Metteteci di tutto, mi raccomando. Non esiste infatti buccia o parte della verdura che non sia commestibile!

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Commenti

stefy
stefy

L'altro giorno ho sperimentato la versione meno light: aggiungi ricotta,un uovo,pecorino e pangrattato, ne fai un tortino e poi metti in forno finché non si colora. buonissimo, e secondo me viene bene anche senza ricotta,una specie di gatò di scarti!

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Perchè quando buttiamo del cibo non sprechiamo solo l'elemento in se stesso ma tutte le energie che ci sono volute per far crescere quel prodotto: acqua, sole, terra, energia, benzina ecc... Ottima ricetta ormai è diventata un'abitudine.

stefy
stefy

ieri ho fatto la vellutata con gli scarti delle verdure della settimana e ho congelato il brodo che ne ho filtrato! due buone pratiche in una! meraviglioso: rifiuti Zero! ma questa vellutata di scarti va bene anche per i carciofi? perchè mi sembrano un pò duri da frullare...io già li uso per il brodo, ma poi li butto o li metto in compostiera...

Gigi
Gigi

Purtroppo, ahimè, no. Le foglie esterne dei carciofi (soprattutto di alcune qualità) non si ammorbidiscono molto facilmente, neppure con un'ora di pentola a pressione. Ci ho provato personalmente più volte, ma non c'è stato nulla da fare. Si possono comunque tagliarle a pezzetti e farci un brodo che poi andrà filtrato e utilizzato, ma io sconsiglio di frullarle perchè troppo fibrose

Gigi
Gigi

aggiornamento: se le foglie dei carciofi anzichè frullarle le schiacci con il passaverdure riesci a recuperarne una buona parte ;) Sperimentato!

luna
luna

Vedo solo ora questi commenti, io praticamente oltre a togliere le fibre più dure dei gambi e ad utilizzare anche quelli, scarto solo le foglie più esterne, e quelle comunque troppo dure da utilizzare le faccio bollire in acqua e poi una volta cotte (ci vuole un po'...) "gratto" via la polpa con un coltello, in modo che rimanga solo la parte più esterna e coriacea della foglia che finisce nell'organico. Almeno mi sembra di sprecare molto meno, e mi esce sempre un bel risotto aggiungendo anche i gambi!

unanonimoprocione
unanonimoprocione

wow, davvero???

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.