libreria e salotto zona etica documentari inchieste informazione indipendente

fede fede 16 maggio 2013 — Libro: "Se niente importa. Perché mangiamo gli animali?" di Jonathan Safran Foer. Ed. Le fenici. Chiunque, dopo aver letto questo libro, continuasse a consumare i prodotti industriali, dovrebbe essere senza cuore o senza raziocinio

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Come letture etiche consiglio anche (comunque sempre da leggere con spirito critico, come tutti i libri del resto): Sobrietà - Dallo spreco di pochi ai diritti per tutti, di Francesco Gesualdi - Centro Nuovo modello di sviluppo, 2005, L'ingorgo - Sopravvivere al troppo, di Giorgio Triani, 2010, Benvenuti in paradiso - Dietro le quinte del turismo di massa, di Jennie Dielemans, 2010, Vogliono farti ammalare! - Le cure naturali che il business sanitario ti nasconde, 2007 (sono libri già citati in Contiamoci, sparsi nelle varie pratiche, a seconda dei temi).

don_chisciotte
don_chisciotte

Sobrietà di Gesualdi l'ho letto diversi anni fa e non ricordo se l'ho ancora a casa o se lo avevo regalato. Degli altri due ricordo che ne avevamo parlato...del primo argomento (turismo) so già abbastanza purtroppo e del secondo (farmacie)...mi sa che è meglio che non lo leggo quel libro, altrimenti passo direttamente all'azione sovversiva e voglio mantenermi sul Peace and Love limitandomi ai post sulla Buona Pratica ad hoc che, come avrai visto, ho tenuto viva anche oggi... Grazie!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

... prego! e in effetti quello dei farmaci è meglio che tu non lo legga, no (Peace and Love Always!), però se interessasse a qualcuno, prima non avevo scritto l’autore che è Kevin Trudeau.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

La tua impronta ecologicaScopri l’impatto ambientale di ogni cosa, di Mike Berners-Lee (Terre di mezzo editore). Più attuale che mai, misura (quasi) ogni cosa in anidride carbonica prodotta, ma soprattutto  dà dei consigli pratici su come ridurre tale impronta. E non è una lettura troppo “tecnico-seriosa”, pur basandosi su ricerche serie. Un esempio? ecco: “Un’unica rosa rossa può arrivare ad avere lo stesso impatto – 350g di co2 se coltivata in Kenia e spedita in aereo –  sui cambiamenti climatici di circa quattro chili e mezzo di banane. Le banane potranno mai sostituire le rose il giorno di San Valentino? Se sperimentate questa alternativa a basse emissioni, vi sarei grato se mi faceste sapere come è andata (…) il mio consiglio è di optare per i fiori del vostro giardino, se potete, e rinunciare ai fiori fuori stagione. Per quanto riguarda le alternative, le piante in vaso da interni sono un’opzione assai preferibile dal punto di vista delle emissioni (…)”. Questo libro ovviamente non pretende di salvare il pianeta  ma di far riflettere sulle singole azioni: una volta che si sa qual è l’impatto di un’azione rispetto a un’altra, è possibile scegliere con maggiore consapevolezza.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

In biblioteca ho trovato questo libro “Noi, esseri ecologici” di Timothy Morton, ed. Laterza, 2018: è una specie di saggio filosofico sul significato di essere ecologico, appunto (riporto dalla copertina): “Non leggi libri che parlano di ecologia? Allora questo fa al caso tuo. Non leggi libri che parlano di ecologia? Allora questo fa al caso tuo. Questo libro non predica ai convertiti. Non devi essere ecologico. Perché sei ecologico. Da qualche parte c’è un uccellino che canta e le nuvole passano in cielo. Guardati attorno: essere ecologici implica uno strano senso di inclusione personale in quello che si sta vivendo perché noi siamo l’ambiente e l’ambiente siamo noi. (...)

L’oceano che si acidifica! Il riscaldamento climatico! Le specie che si estinguono! Hai appena fatto in modo di non essere mai ecologico. Ti sei fatto schiacciare dall’afflusso dei dati, sei caduto nella trappola dell’orrore dell’estinzione e del riscaldamento globale. Hai davanti a te solo lo spettro della decisione finale, disperata, a pugni e denti stretti. Senti che devi essere o fare qualcosa di totalmente diverso. Ecco scavato il baratro: da questo momento in poi non farai che mostrare a te stesso e agli altri quanto è largo e profondo questo baratro. Essere ecologici comporta un cambiamento imponente, ma di segno differente da quello seguito fin qui: se hai una vaga idea che ci sia un dentro di te e un fuori di te, sei sulla buona strada. Non affogare nella paura della minaccia esterna, non c’è nulla di esterno, noi siamo parte della natura, noi siamo ecologici.” Non è proprio leggerissima come lettura, ma dà parecchi spunti interessanti.

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Caspita!

Fabio
Fabio

Molto interessante soprattutto perchè la dicotomia non è più carne-verdura ma intensivo-estensivo. Non lasciamoci però ingannare, è un libro scritto negli Stati Uniti. In Italia non è così! Non abbiamo la fortuna di avere il settore agricolo molto frammentato in tante piccole realtà, molto avanzato sotto l'aspetto della qualità (biologico, dop, etc.) e da anni FORTEMENTE regolamentato dall'UE.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

In effetti non puoi rimanere indifferente a questo libro! Io ho "rivoluzionato" (già da prima ci stavo pensando ma questa lettura è stata "decisiva") il mio modo di comprare e consumare dopo aver letto anche questo libro, nel 2010. Lo consiglio anch'io, ciao!

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.