cucina e dispensa giardino e orto riciclo creativo

spring2013 spring2013 25 novembre 2013 — Spesso uso le insalate in vaschetta di plastica (sì, che vergogna, lo so) che sono così pratiche... ma le vaschette non le butto mai, le lavo e le riutilizzo. E quando ho voglia di una buona insalata ne compro tanta fresca, la lavo e asciugo bene tutta quanta e poi la distribuisco nelle vaschette che ho conservato. Così al momento di mangiare in un attimo l'insalata è pronta! Viva la pigrizia!! Se poi l'insalata arriva direttamente dall'orto di un parente o di un amico, è il non plus ultra!

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

serena
serena

Se comprate insalata bio, non imbustata, evitate di lavarla molto soprattutto se siete vegetariani. Pare che così si preservino alcuni microorganismi del terreno che fornisco vitamina B12. Fonte: il mio veterinario. Se qualcuno sa qualcosa di più è il benvenuto!

alchemica
alchemica

C'è da specificare che, per quanto la vitamina B12 sia necessaria alla corretta funzione del nostro sistema nervoso e per una buona salute debba essere assunta in un modo o nell'altro, quella alla quale si riferisce il Dottore in questione è probabilmente sì una folta coltura di microorganismi (e già questo non so come potrebbe essere preso dagli amici vegani e vegetariani etici), nutrita però da altrettanti residui organici derivanti da concimi, si suppone, organici. Nel suddetto caso - azoto. Credo non sia il caso di descrivere nei più torbidi particolari cosa produce l'azoto necessario alle colture, ma credo che i nostri amici non vogliano cibarsene, per via diretta almeno. Spero che queste informazioni possano essere utili anche ad altri colleghi piccoli orticultori. :)

loredana_bruzzone
loredana_bruzzone

Anche io compro insalata in quantità, la lavo lasciando le foglie intere, le asciugo bene e le sistemo in sacchetti gelo cercando di non lasciarci aria. Li chiudo con fascette e sono a posto, l'insalata resta benissimo per alcuni giorni. I sacchetti poi li lascio asciugare e li riutilizzo all'infinito.

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Invece dei sacchetti gelo prova ad usare un contenitore di plastica o vetro a chiusura ermetica. Io conservo tutte le verdure (biologiche e non) in frigo nei contenitori e mi durano di più.

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Quando ero piccola mia madre comprava l'insalata in busta. Non mi è mai piaciuta. Quando sono andata a vivere da sola ho iniziato a comprare l'insalata "vera", tutto un altro sapore.

Di recente ho letto un libro: Non c'è sull'etichetta di Felicity Lawrence", in un capitolo si parla di insalate in busta. Racconta che vengono lavate in piscine piene di cloro, che una parte di questo cloro rimane sulle foglie, e che vengono imbustate con un gas che ne "blocca" il deterioramento. Vi è riportato anche uno studio scientifico comparativo su due gruppi di persone che mangiavano insalata in busta e insalata fresca. Il giorno successivo venivano prelevati campioni di sangue per misurare i valori di vitamica E, C e antiossidanti nel sangue, che combattono l'invecchiamento. Quelli che avevano mangiato l'insalata in busta avevano valori pari allo zero, ovvero come se non avessero mangiato nulla.

Oltre questo aspetto, nel libro c'è tutta una parte relativa allo sfruttamento di manodopera occasionale e in nero che si nasconde dietro le grandi catene che imbustano insalate. Dovuto ad un aumento nella richiesta di questo prodotto.

Tale aumento di domanda influenza anche la pulizia della catena di montaggio. Quanti più sono i passaggi più alti sono i rischi di contaminazioni. (nel libro parla di epidemie da contaminazione proprio per le insalate in busta).

Insomma se non vogliamo lavare l'insalata - anche se per me ha un effetto meditativo - direi: tanto vale non comprarla proprio. Almeno evitiamo di mangiarci cloro che è stato dimostrato essere cancerogeno, sprecare plastica, contribuire allo sfruttamento di persone.

Non avrei mai immaginato che dietro un atto così semplice come aprire una busta di insalata, ci fossero così tante implicazioni etiche, ambientali, sociali.

spring2013
spring2013

Grazie Granitas, non conoscevo tutti questi retroscena dell'insalata in busta... Tanti buoni motivi in più per non comprarla!

marco
marco

nella pretagliata ci sono anche antimicotici; se volete proprio mangiarla almeno lavatela MOOOLTO bene

frabarenghi
frabarenghi

tanto vale lavarsi l'insalata vera; se poi uno ha nostalgia dei funghi può sempre metterci gli champignon...

alchemica
alchemica

Mi scuso per la parentesi sul soggetto, ma oggi internet è riuscito a strapparmi un attimo di sincera ilarità. Evviva! :)

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.