Raccolta tappi

cucina e dispensa raccolta differenziata bambini dama giochi riciclare riciclo scacchi

irene70 - disiscritto irene70 03 aprile 2013 — Raccogliere i tappi di plastica di bottigliette, di flaconi vari , di tetrapak del latte o succhi di frutta ecc. e regalarli a scuole , asili, associazioni tipo Caritas, o Lions. L'importante è la sigla del materiale, deve essere PE con il triangolo e il numero 2,  a differenza delle bottiglie che hanno il simbolo PET. C'è sempre chi organizza educative "gare di raccolta" in grandi quantità e poi li porta ai centri di riciclaggio e talvolta possono essere venduti (a peso) a ditte che riutilizzano il polietilene in cambio di piccoli compensi utili per raccogliere fondi. È anche un ottimo modo per coinvolgere i bambini in qualcosa di educativo.

– Se conoscete centri di raccolta segnalatelo nei commenti, Grazie –

Centri di raccolta:

Torino:  lamadonninaonlus.it

Bergamo, Biella, Brescia, Como, Lecco, Milano, Monza e Brianza, Novara, Pavia, Varese, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Sondrio. malattiedelsangue.org

Udine:  assmelograno.org

– Se ne conoscete altri, segnalatelo nei commenti, Grazie –

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

don_chisciotte
don_chisciotte

Una piccola precisazione ma forse importante per la raccolta di questo tipo di plastica. Generalmente dello stesso materiale del tappo (polietilene) e' fatto anche l'anello di plastica che rimane sul collo della bottiglia una volta aperta. Volendo si puo' togliere anche quello e credo proprio che si possa metterlo assieme al resto della raccolta.

don_chisciotte
don_chisciotte

Oggi sulla spiaggia libera di Jesolo (Ve), zona faro, in circa due ore di permanenza, abbiamo raccolto una settantina di tappi di plastica. Una ventina circa erano abbinati alle rispettive bottiglie che erano state abbandonate, i restanti giacevano insabbiati. Abbiamo fatto davvero un bel bottino, da rimanere proprio soddisfatti. Peccato che i pescatori, quelli veri, rientrassero a mani vuote dal molo mentre osservavano la nostra abbondante pesca di tappi...segni dei tempi che cambiano, in peggio purtroppo. Quando si comincerà a fare veramente qualcosa? Perchè i nostri piccoli gesti, seppur significativi, non sono risolutivi.

don_chisciotte
don_chisciotte

Oltre a sensibilizzare gli altri a collaborare per questa raccolta di tappi di plastica, per incrementare la nostra personale, possiamo chiedere ad amici che lavorano in bar/ristoranti/hotels se ce li mettono da parte e vi assicuro che...le quantita' raccolte aumenteranno in maniera considerevole!!!

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Segnalo una bellissima novità: start-up trentina Eco-Sistemi ha realizzato un depuratore di acque reflue che utilizza i tappi recuperati per depurare l’acqua di altre aziende altrettanto attente all’ambiente.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Alcune notizie e chiarimenti su questa pratica ehabitat.it

darkcrow
darkcrow

Io sto cercando di far partire anche una raccolta tappi di sughero! online.artimestieri.com

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Sull'eco-giornale informativo della raccolta differenziata della mia zona ho trovato un suggerimento simpatico per realizzare una dama con pedine: basta un pezzo di cartone quadrato (magari un pezzo pulito dei portapizza) su cui disegnare la classica scacchiera con un colore scuro (8 caselle per lato, tra bianche e nere) e poi con 24 tappi di plastica (12 bianchi e 12 di un altro colore ) sono pronte anche le pedine...

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

conosci l'utente darkrow? vive in provincia di TV a Povegliano.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

... ho visto che Laura è di Povegliano, ma no, non ci conosciamo personalmente.

don_chisciotte
don_chisciotte

Fatto fatto! Quest'estate alla fine di una raccolta di tappi ci siamo seduti su una panchina di sasso con la scacchiera incorporata e ci siamo fatti una partitina con i tappi. Ultimo utilizzo prima di metterli a riciclo...

don_chisciotte
don_chisciotte

Approfitto di qs buona pratica per mettere in evidenza ancora una volta il problema della dispersione delle bottiglie di plastica (e relativi tappi annessi alle bottiglie ma anche sciolti). Non credo di essere "paranoico" su questo argomento ma nessuno ne parla nei mezzi di comunicazione di massa ed il problema a mio avviso e' di enorme portata e tra diversi anni ne pagheremo le conseguenze. Ci sono bottiglie di plastica abbandonate ovunque, nei fossati, nei campi, lungo le strade. Bisogna fare qualcosa (raccoglierle, insegnare alla gente a non abbandonarle, stabilire sanzioni per chi le abbandona, sensibilizzare le amministrazioni locali e le ditte che si occupano della raccolta di porre attenzione anche alle aree di abbandono). Io attualmente sono in vacanza al mio paese in liguria ed ogni giorno vado a prendere bottiglie abbandonate sulle panchine e sugli scogli e mi domando come sia possibile che l'essere umano sia cosi irrispetoso ed insensibile nei confronti dell'ambiente, sopratutto quando il contesto dove avviene l'abbandono e' di incommensurabile bellezza. Facciamo qualcosa!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

...no, non sei paranoico, hai "ragionissima"! Forse dovremmo fare anche in Italia come fanno in molti paesi d'Europa: per incentivare il riciclo pagano un tot a bottiglia a chi le riporta in speciali raccoglitori posti nei punti vendita vd. qui ecoblog.it. Ho letto che funziona.

don_chisciotte
don_chisciotte

Anche la PAM lo fa dalle mie parti...al punto che hanno scoperto un vecchietto pensionato che andava a "rubarle" dai cassonetti della differenziata per farsi dare, attenzione, non i soldini, bensi punti da rispendere all'interno del supermercato, alimentando quindi sempre e comunque la grande distribuzione. Per questo sono parzialmente d'accordo ma e' comunque sempre meglio che gettarle per strada (anche se penso che uno che le getta per strada difficilmente le portera' al supermercato perche' e' privo di quella cultura dell'ambiente che purtroppo e' ancora troppo poco diffusa).

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

già, se manca questa cultura o anche solo il buon senso, non rimangono che le strade dei "premi" o delle "punizioni" e insomma sempre ai soldi bisogna tornare... è tristemente vero.

don_chisciotte
don_chisciotte

Relativamente a questo mio commento di qualche tempo fa, sono ancora convinto che bisognerebbe eliminare del tutto la produzione delle bottiglie di plastica (cosi come e' gia' stato fatto per i sacchetti di plastica). In ogni caso l'iniziativa di qualche supermercato di riportare i vuoti ricevendo indietro la cauzione puo' essere certamente utile. Infatti come gia' aveva segnalato Irene70, anch'io ho letto che: In Germania, ma anche in Croazia, in numerosi supermarket vige la raccolta delle bottiglie di plastica e i vuoti in vetro delle birre: una macchina, posta all'ingresso, accoglie questi vuoti, li riconosce e poi produce lo scontrino che esprime il totale in € di quanto conferito . Infatti ogni bottiglia di plastica o di birra, paga una cauzione al momento dell'acquisto che viene restituita in questo modo, scontandola dalla spesa alle casse. Risultato: non c'è una bottiglia di plastica o di birra in giro (ed e' questa la cosa piu' importante che dovrebbe succedere anche da noi in Italia, basta bottiglie di plastica disperse nell'ambiente!). Quindi bisognerebbe premiare i supermercati che in Italia adottano questa strategia che ha come primo obiettivo quello di garantirsi il cliente (che cosi ritorna a spendere i buoni delle cauzioni delle bottiglie all'interno del supermercato stesso) ma che aiuta l'ambiente limitandone l'inutile e dannosa dispersione.

don_chisciotte
don_chisciotte

Sono passati 5 anni da questo mio post e adesso tutti i mezzi di informazione ne parlano. Non ho la TV, ma quando mi capita di vedere un TG, sempre passa un servizio sull'inquinamento da plastica o sul riscaldamento globale.‎ Ma non ci dobbiamo illudere, i giornalisti hanno il dovere di informare. Ma l'informazione non è risoluzione purtroppo. Ciò che devono cambiare sono le leggi sulla produzione e diffusione di materiale inquinante. ‎

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

... invece con le bottiglie di plastica trasparente ho visto che si possono fare delle cose incredibili tipo questa ideegiardinofaidate.blogspot.it

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

... o questa greenme.it

don_chisciotte
don_chisciotte

Ciao Irene, non sono d'accordo con questo utilizzo "spettacolare" delle bottiglie di plastica (mi riferisco al ponte costruito con bottiglie di plastica che hai segnalato). Riconosco l'ingegno dei costruttori ma e' contro la mia etica apprezzare un'opera realizzata con un prodotto inquinante e/o dannoso per l'ambiente. Apprezzo di piu' le piccole opere personali di riutilizzo della bottiglia di plastica e dei relativi tappi (che anche tu hai suggerito). Ma questa messa in scena non mi piace, perche' mi sembra che tenda a valorizzare l'aspetto estetico di un prodotto che di estetico non ha nulla. Infatti, anche se la forma della bottiglia puo' essere carina, eticamente non e' bella (e tu sai cosa voglio dire). Non credo che riuscirei mai a camminare su quel ponte. Tu cammineresti, per esempio, su un tappeto di pellicce di animali, anche se esteticamente apprezzabile? Mi rendo conto che l'arte e' l'arte e va rispettata in quanto tale, e che l'arte moderna spesso prende spunto dai rifiuti della nostra societa' per creare oggetti con un significato diverso. In un certo senso e' anche apprezzabile trasformare un oggetto destinato ad essere rifiuto in un opera d'arte. Non ho sottovalutato quindi questo aspetto, ma la mia prima reazione emotiva e' stata negativa.

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Ciao Don, in realtà a me quel ponte non sembra bello, anzi piuttosto bruttino, però mi pare un po' eticamente giusto: perché ormai quelle bottiglie erano state utilizzate e raccolte da volontari per essere trasformate in qualcosa di utile e in questo io vedo il contenuto etico (le pellicce per me sono oltre in non-etico...); il fatto è che sarebbe meraviglioso che le bottigliette di plastica non venissero più prodotte ma per come stiamo messi nella società mi pare troppo utopistico mentre mi pare più fattibile educare a un sistematico riciclo o riutilizzo. Però è vero che spesso ciò che sembra bello non è anche per forza etico e forse proprio per questo poi, non è nemmeno tanto bello come sembrava.

don_chisciotte
don_chisciotte

Ok Irene, pero' ti ricordo che anche i sacchetti di plastica per la spesa sono stati aboliti e sembrava impossibile (utopistico) come anche impossibile sembrava il divieto di fumare nei locali pubblici. Del resto, se una volta nella nostra stessa societa' l'acqua in bottiglia di plastica non esisteva e non si moriva di sete, non vedo perche' non possa essere cosi anche oggi (aldila' degli interessi economici). Secondo me quindi e' molto piu' utopistico fare come dici tu e cioe' pensare che tutte le persone si mettano a riciclare / riutilizzare / differenziare / non disperdere nell'ambiente le bottiglie di plastica. Se il problema esiste va estirpato alla base e cioe' non producendole piu'. Ciao!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

... e io mi auguro in ogni caso che questo avvenga, mi ricrederei supervolentieri!!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Un aggiornamento esplicativo su questa bp: nella nostra scuola secondaria di primo grado le classi hanno partecipato alla raccolta dei tappi per sostenere un progetto lanciato dal professor D. B. "La casa via di Natale", leggo dal sito della nostra scuola:" Cos'è la Casa Via di Natale? È una struttura di accoglienza costituita da 34 appartamenti riservati alle persone il trattamento oncologico e ai loro familiari... La Casa si sostiene con varie forme di finanziamento come marce di solidarietà, offerte e donazioni da parte di parenti o amici dei degenti e, tra l'altro, attraverso la raccolta di tappi di plastica.

La plastica con cui sono fabbricati i tappi di qualsiasi contenitore (detersivi, acque minerali e bevande, dentifrici, contenitori delle sorprese delle uova di cioccolato, ecc.) è particolarmente pregiata. Essa viene infatti riutilizzata dalle ditte specializzate nella costruzione di attrezzature e arredi in materiale riciclato quali panchine, sedie, cestini, bidoni... Dato che i tappi vengono pagati circa 0,20 € al kg, conviene raccoglierli separatamente in modo da evitare che confluiscano in discarica o nella plastica generica.

Un gesto di solidarietà. La raccolta dei tappi di plastica viene portata avanti anche da altre scuole e associazioni di volontariato. Si tratta di un semplice gesto di solidarietà che impegna molte persone verso un obiettivo significativo."

don_chisciotte
don_chisciotte

Mi è stato detto che in alcune zone è possibile gettare i tappi di plastica nelle classiche campane per la plastica/vetro ed avere comunque la garanzia che i tappi verranno riciclati separatamente. Basta gettarli nella campana sciolti (cioè svitandoli dalla bottiglia) e poi ai centri di raccolta, con un procedimento di ventilazione, saranno separati dal resto della plastica ed utilizzati come ci ha spiegato Irene. Quindi potete informarvi se il vostro gestore della raccolta differenziata attua questo procedimento nella fase di smistamento dei materiali riciclati. Ovviamente è sempre meglio fare come indicato in questa Buona Pratica (anche per una questione di maggiore sensibilizzazione al problema) e questo mio commento vuole solo essere un'informazione ed un suggerimento in più per chi non sa a chi consegnare i tappi o semplicemente per chi è un pò più...pigro.

Utente disiscritto
Utente disiscritto

Ciao! Dove posso consegnare miei tappi plastica ? Zona Roma ovest?

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Tramite l'articolo di Marta Albè su greenme ho trovato anche l'elenco delle sedi in tutta Italia dove è possibile conferire i tappi

unanonimoprocione
unanonimoprocione

io li raccoglievo per fare un piacere alla vicina ma adesso so anche il motivo =)

paoinfo
paoinfo

Io li davo al nido di mio figlio, che si era messo d'accordo con un'associazione; purtroppo ora non li raccolgono più e non ho più nessuno a cui darli. Sono del municipio VI di Roma, qualcuno sa dirmi chi li raccoglie?

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

io abito in Veneto quindi non posso dirti nulla di preciso per Roma, ma dai un'occhiata al sito del Centro Mondialità Sviluppo Reciproco, alla voce raccolta tappi (cmsr.org); ovviamente non so se i centri sono ancora tutti attivi nè posso garantire sulla veridicità di tutte le iniziative: io mi baso sulla mia esperienza personale e locale e sono in buona fede, nel senso che mi fido delle iniziative mediate da scuole, biblioteche, ecc.(vale anche per la raccolta dei vecchi cellulari); spero che tutto questo possa servire realmente a qualcosa di utile ma la certezza assoluta non posso averla. Ciao!

riccardo
riccardo

se vuoi li porto in ufficio che li raccogliamo la...

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

In realtà va benissimo anche buttare tappo e bottiglia nel sacco della plastica (soprattutto se non sai dove tenere i tappi!), comunque so che c'è una differenza tra le due plastiche di bottiglia e tappo (e quella dei tappi sarebbe più interessante dal punto di vista del riciclo, ma non sono un'esperta in materia); io per esperienza ho visto che la scuola dove abbiamo fatto la raccolta li ha venduti un microtot al Kg e la classe che ne ha raccolti di più ha avuto un premio "ecologico"... più che altro è un'azione educativa; poi in internet puoi trovare chi la definisce una leggenda metropolitana , chi smentisce questi ultimi e ne elogia i risultati...

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Perchè bisogna riciclarli separatamente dalle bottiglie?

luna
luna

Io no sono esperta, ma so che i tappi e le bottiglie non si possono riciclare insieme, perché sono di materiali diversi. Le bottiglie sono di PET e i tappi in PE, sono due diversi tipi di polietilene. Quindi sarebbe bene comunque togliere i tappi dalle bottiglie, ancora meglio affidare i tappi se possibile a una raccolta diversa. Dovrebbe anche essere che per legge non è possibile riciclare le bottiglie di plastica al di fuori degli enti preposti, mentre della raccolta tappi si possono occupare anche per esempio associazioni. So che qualcuno sul web parla di "leggenda metropolitana", ma io comunque i container colmi di tappi li ho visti, non ho esperienza diretta se poi il ricavato sia veramente andato a finire nei pozzi o in altre iniziative benefiche analoghe, ma più di una persona mi ha assicurato che fosse realmente così...

unanonimoprocione
unanonimoprocione

non lo sapevo, grazie della info!

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

ho trovato un articolo interessante che parla della leggenda trasformatasi in realtà cicap.org

luna
luna

Grazie Granitas, almeno adesso so per certo che quello che in parte avevo visto, in parte avevo letto e in parte mi avevano detto, corrisponde!

luna
luna

In quasi tutte (se non tutte) le scuole di Torino e provincia (e non solo) si organizza la raccolta tappi, e i bambini rispondono con entusiasmo a questa iniziativa! Mi è capitato di portare i tappi raccolti in grande quantità tra famiglia, conoscenti e colleghi di lavoro all'ecocentro di Rivoli, e ho visto container pieni di tappi in partenza per la Galletti Ecoservice di Livorno. Questa iniziativa di Caritas e M.A.S.C.I. ha reso possibile trasformare i tappi in arredi urbani e il ricavato in alcuni pozzi in Tanzania, e la raccolta continua tutt'ora. Ho letto che a Genova è nato un progetto "Facciamo girare i tappi", dove la raccolta tappi crea lavoro per persone in grave difficoltà economiche. Tutti esempi di come un rifiuto, se riciclato, possa trasformarsi in opportunità. Un'ottima BP

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.