Rifiuti venite con me

raccolta differenziata rifiuti zero zona etica bicchieri di plastica bottiglie di plastica bottiglie di vetro carta cittadinanza attiva fazzoletti di carta imballaggi lattine piatti di plastica plastica posate di plastica riduzione rifiuti rifiuti tovaglioli di carta vetro zero waste zero waste challange

don_chisciotte don_chisciotte 27 aprile 2014 — L'inversione culturale volta alla salvaguardia dell'ambiente dovrebbe innescare in ciascuno di noi la responsabilita' relativa anche ai rifiuti che produciamo quando siamo fuori di casa.

Per esempio quando comperiamo un oggetto e lo togliamo dall'imballaggio per usarlo subito,

  • il rifiuto di carta/plastica che produciamo al bar
  • bustine di zucchero
  • salviette di carta
  • cartine delle paste
  • bicchieri di plastica
  • gli involucri di alimenti comperati per esseri consumati subito, etc... (grissini, toast)
  • posate di plastica
  • lattine
  • bottiglia di plastica

Se gettiamo questi rifiuti riciclabili nel primo cestino generico che troviamo a portata di mano, questi non andranno differenziati (e certamente accadrà lo stesso se lasciamo tutto sul tavolino del bar sperando che a cio' pensi il cameriere).

Ma questi sono pur sempre rifiuti che NOI abbiamo prodotto con il nostro comportamento e che quindi NOI stessi dovremmo differenziare.

Quindi, sarebbe una Buona Pratica sviluppare l'abitudine a trattenere questo rifiuto utilizzando tasche, borse, zaini, nell'attesa di trovare il relativo cassonetto della differenziata (addirittura fino al punto di portarci a casa il rifiuto). Mi rendo conto che cio' puo' sembrare ridicolo agli occhi altrui e decisamente eccessivo (da maniaci dell'ecologia!) ma l'inversione culturale puo' giustamente creare queste impressioni ed il cinismo e' la prima cosa da sconfiggere a mio avviso in questi casi.

Sviluppare questa diretta connessione di responsabilita' tra comportamento e rifiuto prodotto non e' certo cosa automatica ed e' un atteggiamento un po' complicato da attuare non tanto per la difficolta' pratica (cosa ci vuole a mettersi una cartina in tasca o nella borsa/zaino?) ma soprattutto per questioni di "immagine" (...non sono mica cose da farsi queste...). Quell'immagine tanto millantata ma che di certo per l'ambiente nessun buon risultato ha mai prodotto (casomai il contrario). E Il tutto in un contesto dove ci sono molte persone che purtroppo non gettano il rifiuto nemmeno nel contenitore generico ma... semplicemente per terra.

Forse e' una Buona Pratica che non si puo' applicare sempre ma quando e' possibile facciamolo perche' da qualche parte (e da qualcuno) bisognera' pur cominciare...quindi "Contiamoci"!

P.S. : il discorso e' sempre lo stesso fatto per altre Buone Pratiche. Facciamolo noi ma non imponiamo ad altri di farlo (passando per fissati e maniaci). Se qualcuno pero' ci vede ed incuriosito ci chiede spiegazioni rispondiamo con la massima naturalezza, evidenziando l'utilita' del gesto e la sua positiva conseguenza se condiviso da tutti.

Commenti

lastromanticknight
lastromanticknight

lo faccio da molto... ma si può fare di più... usare lo zucchero dal dosatore, ecc.. cioè il principio è PRIMA DI PORTARE A CASA I RIFIUTI... NON LI COMPRO E NON LI PRODUCO.. il buon vecchio... meglio prevenire che curare..

fabiovaleri
fabiovaleri

Aggiungo un paio di cose che ormai faccio da diverso tempo:

-guanti di plastica del supermercato per la verdura (cosa che ancora non capisco perchè bisogna usare!!): li tengo e li riuso la volta dopo e la volta dopo e la volta dopo ancora.. oppure li tengo nella borsa quando devo fare interventi al volo sulla bici (tipo quando cade la catena). Almeno hanno 7 vite prima di finire nel contenitore della plastica.

-salviette di carta: spesso a pranzo il "coperto" ha i tovaglioli di carta che alla fine del pranzo non sono da buttare; anche questi li porto via e li riutilizzo magari per quando mi porto il pranzo da casa o per altro; di nuovo vengono utilizzati un po' di volte prima di essere buttati.

don_chisciotte
don_chisciotte

Bravo fabiovaleri! Allora siamo (almeno) in due. Se leggi i miei commenti sulle Buone Pratiche relative ai "guanti di plastica al supermercato" ed ai "fazzoletti di carta" ne avrai conferma. Ciao.

don_chisciotte
don_chisciotte

C'e' anche un libro che è un trattato sociologico sul tema dei rifiuti..."Non è tutto da buttare. Arte e racconto della spazzatura". ibs.it

don_chisciotte
don_chisciotte

San Francisco: progetto Zero Rifiuti rivistanatura.com

don_chisciotte
don_chisciotte

Ciao, volevo chiedere a tutti coloro (pochi purtroppo) che hanno dato il "contami" su questa Buona Pratica, come sta procedendo. Cioe' oltre a metterla in atto voi, qualcuno vi ha chiesto qualcosa? Io per esempio ho avuto degli amici che mi hanno chiesto il motivo per cui mi metto in tasca le bustine dello zucchero e le salviette usate, la carta dei grissini, etc ed hanno capito ed approvato il significato del gesto ma hanno anche chiaramente espresso che non lo faranno mai (nonostante io non abbia assolutamente cercato di convincerli). Io mi rendo conto che puo' sembrare un atteggiamento troppo estremo e da maniaci/fissati. Ma, dopo un po' di tempo, la naturalezza con la quale compio questi gesti e' tale, che veramente non capisco come per gli altri possa essere un peso, una difficolta', addirittura un disagio. Grazie in anticipo per farmi sapere la vostra esperienza in merito.

irene70
irene70

Beh (sono una degli 11), talvolta qualcuno mi prende scherzosamente un po' in giro chiedendomi se voglio anche dare una ripulita al locale... ma io continuo, tanto ormai ho rinunciato da tempo a sembrare "normale".

don_chisciotte
don_chisciotte

Uno stile di vita a sprechi zero. Dagli Usa la Storia di Bea Johnson Un chilo di spazzatura all'anno contro i 450 chili che in media produce una famiglia americana. Giovane francese trapiantata negli Stati Uniti, Bea Johnson ha deciso di adottare uno stile di vita a “spreco zero” partendo, in primo luogo, dal rifiuto del superfluo. ilcambiamento.it

don_chisciotte
don_chisciotte

Questa è la pagina Instagram di Bea Johnson, la fondatrice del movimento Zero Waste (rifiuti zero)‎ instagram.com

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

Ho iniziato da pochissimo il mio Progetto personale "Rifiuti Zero". Ovvero mi impegno a riportare a casa la maggior parte dei rifiuti che produco quando sono fuori casa. Era da tempo che volevo farlo, e parlavo anche con un amico un bel po' di anni fa. Bhè il mio countdown è scattato e devo dire che la mente è attiva e sensibile a cose che sono miei rifiuti a cui prima non facevo caso (cambierei anche il titolo a questa buona pratica in : "Progetto personale "Rifiuti Zero" da cui ho preso spunto se don è d'accordo). Chi accetta la sfida?

don_chisciotte
don_chisciotte

Certo! Cambia il titolo come preferisci. Ho visto anche che hai messo il neretto sulla frase "chiave" del discorso, brava! Sarebbe cosi semplice con questi comportamenti migliorare l'ambiente in cui viviamo. A volte mi scoraggio perche' penso che un gesto sbagliato di qualcuno puo' in un solo colpo annullarne molti altri positivi che sono stati fatti precedentemente quindi...e' meglio che non ci penso!

luna
luna

Granitas, lo sai che alle sfide nn so resistere... ;-)

irene70
irene70

In questo noi "ragazze" siamo anche avvantaggiate perchè viaggiamo accompagnate dalle nostre capienti borse...anzi sapere che una volta a casa devo buttare vari involucri di plastica o carta mi dà l'occasione per disfarmi anche di tutti gli scontrini, liste della spesa e co. che ho accumulato in precedenza.

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

oppure accedi con email e password. Non hai ancora un account? Registrati.

oppure usa email e password. Hai già un account? Accedi.

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere un'email e scegliere una nuova password.

{{ errors.first('authentication') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
{{ errors.first('email:server') }}
Inserisci una password
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.

Ricezione email

Per poterti contattare per email abbiamo bisogno del tuo permesso: inviamo una newsletter circa una volta la mese con informazioni, approfondimenti e promozioni, e una email riepilogativa periodica. Puoi accendere o spegnere le email che ti mandiamo in qualsiasi momento e puoi deciderne la frequenza mediante la pagina Notifiche.