raccolta differenziata carta combustione educazione civica inchiostro riciclaggio stufa

fturco fturco 04 settembre 2014 — La carta va riciclata, non bruciata nelle stufe. Il riciclaggio permette infatti di riutilizzare la carta per produrne altra, con ridotto utilizzo di materia prima vergine. Se si brucia la carta nelle stufe il materiale va letteralmente in fumo, e si ottiene della cenere che non ha alcun valore e che va smaltita correttamente (come?). Inoltre ho motivo di credere che la combustione dell'inchiostro presente sulla carta generi sostanze nocive di vario tipo, che vanno inevitabilmente a inquinare l'ambiente e a intossicare le persone. Sembra infine che nelle stufe domestiche bruciare la carta sia vietato per legge: it.wikipedia.org

"Tra l'altro la legge vieta espressamente di bruciare nei generatori termici domestici (stufe, camini, caldaie) qualsiasi prodotto che non sia biomassa vergine; è vietata anche la combustione della carta, che rilascia molte sostanze tossiche nei fumi."

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Commenti

bebabi34
bebabi34

qualche settimana fa a linea verde, trasmissione sull'agricoltura di rai1, la nostra tv pubblica, si lodava l'iniziativa in un inventore di mattoni di carta pesta da usare in stufa anziché, testuale "buttarla". dove non si è capito. è vergognoso che la tv pubblica, sul suo primo canale, in un programma che si occupa di risorse ambientale si dipinga la combustione come metodo intelligente di riutilizzo. il mondo agricolo ha più volte danneggiato definitivamente l'ambiente, e continua a farlo senza vergogna, anzi, vantandosene.

don_chisciotte
don_chisciotte

Ciao bebabi, relativamente all'assurdita' di certi servizi televisivi, se puo' interessarti leggiti il commento che ho appena fatto sulla buona pratica "non guardo piu' il telegiornale" contiamoci.com l'argomento e' un altro ma le modalita' di dare le informazioni non cambiano...ciao!

frabarenghi
frabarenghi

Io che sono innamorata persa delle mie piante aromatiche sto impiegando tutto il mese di settembre (e tra un po' anche di ottobre) a separare fiori da foglie da fusti per ricette varie, cuscini aromatici, e i fusticini sono belli così come sono, legati, per ora; ma diventeranno legnetta per accendere più avanti; sembra banale ma guardate che sto mettendo da parte le cassette! Unico dubbio: che le sostanze aromatiche sporchino il camino.

fuochistaverde
fuochistaverde

ciao, ottima idea. I legnetti di aromatiche non sporcano il camino. Il camino può essere sporcato principalmente per due cause: 1- legna troppo umida, quindi il legno non ha utilizzato l'energia del sole o del vento per asciugarsi e assorbe energia dalle braci già esistenti 2- cattive regolazioni, aria troppo chiusa o troppo aperta, la fiamma deve essere gialla-bianca; una fiamma viola-blu generalmente genera monossido e altri inquinanti

frabarenghi
frabarenghi

grazie! Sei sempre prezioso :-)

bebabi34
bebabi34

aggiungerei al titolo: "... come qualsiasi altro materiale. Bruciare è stupido. Punto."

fuochistaverde
fuochistaverde

per riscaldamento anche chi usa le pompe di calore elettriche brucia o gas, gasolio o carbone nelle grandi centrali; penso che un uso corretto della legna nelle nuove stufe o caldaie, possa favorire l'economia locale, favorire la cura del patrimonio boschivo e del territorio, slegarsi dalle guerre per le risorse....

bebabi34
bebabi34

hai pienamente ragione. sta però passando il messaggio che chi brucia legna o carta (che dal legno deriva) non inquina. la co2 prodotta è la stessa del petrolio, e come quest'ultimo produce altri composti chimici poco controllabili e molto più particolato. ma spesso la definizione ecosostenibilità ignora molte esternalità, soprattutto quelle che non si vedono a occhio nudo. esistono fonti energetiche più pulite che abbiamo il dovere di preferire.

bebabi34
bebabi34

la carta bruciata concorre a circa 2.000.000 di decessi annui sul pianeta. li chiamano fumatori.

don_chisciotte
don_chisciotte

Ciao fturco, ti ringrazio per la tempestivita' con cui hai seguito il mio suggerimento inserendo questa Buona Pratica e per la chiarezza delle tue preziose informazioni. A questo punto mi chiedo se esiste un inchiostro che non sia tossico e che non produca effetti nocivi quando si dovesse bruciare la carta o anche quando la si ricicla perche' se la sostanza e' tossica il problema dovrebbe sussistere anche durante il riciclaggio della carta. Ne sai qualcosa?....io mi ricordo quando da bambino mi mettevo le penne in bocca e mi capitava di "mangiarmi' l'inchiostro, quanto schifo faceva, sembrava veleno!

fturco
fturco

No, putroppo non so nulla a proposito... Attendo anch'io che si faccia avanti qualcuno con qualche informazione in più, magari un rappresentante dell'industria della cancelleria o un chimico. Nel frattempo applico il principio di precauzione.

fturco
fturco

Ho anche trovato questo link, tratto dal sito dei Verdi: verdi.it

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.