spiritualità zona etica ecologia della mente riduzione rifiuti rifiuti

gretagolia_granitas gretagolia_granitas 15 gennaio 2013 — Non dire il NO! Non negare aiuto, e non ostacolare azioni che muovono collaborazione. Se una persona si avvicina a te ma tu la allontani, allora stai generando un rifiuto e questo appesantisce l'energia e il sistema in cui viviamo. Non bisogna solo smaltire ma non generarli. Bisogna puntare all'ecologia della mente.

Commenti

don_chisciotte
don_chisciotte

Se posso permettermi, vorrei commentare questa Buona Pratica ma interpretandola in un altro senso. Infatti, quando lessi per la prima volta il titolo "non generare rifiuti" interpretai la parola "rifiuto" nel senso di scarto, immondizia e quindi pensavo si trattasse di un consiglio per uno stile di vita a "rifiuti zero". Pertanto il titolo di questa Buona Pratica e' un ottimo consiglio anche dal punto di vista ecologico. Penso che su Contiamoci questa interpretazione alternativa mi sia concessa (e che Granitas sara' d'accordo). La mia riflessione e' molto semplice: quando ci rechiamo in un negozio, in un supermercato, in un centro commerciale, etc proviamo a ricordare quei rifiuti che abbiamo visto abbandonati per strada, nei fossati, nei campi, nei mari, nei fiumi, nelle discariche abusive ma anche semplicemente nel nostro secchio della spazzatura. Di conseguenza proviamo a pensare che tutto cio' che vediamo nuovo e fiammante nei negozi, presto o tardi (ma ultimamente purtroppo e' "sempre piu' presto") si trasformera' in rifiuto. E pertanto, se non compreremo cose superflue, non genereremo rifiuti. Infatti i rifiuti e' meglio non generarli che smaltirli, differenziarli e lasciare che inquinino la nostra vita. E questa ultima frase e' valida anche per il tema originario di questa Buona Pratica, basta confrontarla con quanto Granitas scrive:"...allora stai generando un rifiuto e questo appesantisce l'energia e il sistema in cui viviamo".

irene70
irene70

Bella Buona pratica (ma non per questo facile!). Comunque se riceviamo dei rifiuti, di qualsiasi tipo, o quello che a noi sembrano tali (ché spesso poi capiamo fischi per fiaschi), l'importante sarebbe poi non provare rancore. Non so se l'avete mai provato, ma è davvero un sentimento distruttivo e non serve a nulla, peggiora solo le cose. Meglio "sbottare" in liti furiose piuttosto che trattenere il rancore che è una vera spina; quindi direi sicuramente... no al rancore!

Utente disiscritto
Utente disiscritto

chi produce il rifiuto? chi dice no o chi non vuole ricevere un no? Secondo me le richieste che non danno per scontata la risposta non generano senso di rifiuto. L'aiuto è un dono che non sempre si può dare o ricevere, alle volte, pure, è meglio essere umili e lasciare che sia a darlo chi è in grado di farlo ... ho visto che alle volte si aiuta per "sentire" di poter essere aiutati!

irene70
irene70

Scusatemi, non so se risponderà qualcuno ma faccio comunque la domanda: in effetti, come dice l'amico Utente è difficile riuscire a non dire mai no (anzi oggi, veniamo quasi incentivati a dire qualche no, tanto che in libreria sempre di più fioccano manuali del tipo "Imparare a dire no", "l'importanza dei no" ecc., ma forse si tratta anche, o solo, di una maniera per "sdoganare" gli egoismi della nostra società), ma qual è il modo (se esiste) per capire quando dire no, quando NoN dire no, quando dire ni? Voi lo sapete o proprio non dite mai no? Se davvero ogni nostro No genera un "rifiuto" (che è una parola pesante) non è un fatto da prendere alla leggera... o no?

emi_3000
emi_3000

L'unica regola che io ho appreso con l'esperienza è che quando dobbiamo dire un qualsiasi NO dobbiamo esserne ben convinti, altrimenti, oltre a dei rifiuti, generiamo anche dei rimorsi e dei rimpianti.

irene70
irene70

ciao Emi 3ooo (scusa vedo solo ora che non ti ho ringraziato per la tua risposta): hai ragione, quello che dici è molto vero, grazie ancora, ciao.

don_chisciotte
don_chisciotte

Ciao Irene, anche se un po' in ritardo ti mando la mia risposta. Se il NO esiste un motivo ci sara'.... Come c'e' il giorno e la notte, il dolce e l'amaro, il caldo e il freddo, il bene e il male, c'e' anche il SI e il NO. Non si puo' prescindere dal NO perche' esiste e perche' fin da piccoli abbiamo imparato a sentirci dire "NO! Non fare questo! NO! Non fare quello! Questo NO!" Come si fa a vivere senza NO? Io non potrei vivere senza dire NO ne tantomento senza sentirmi dire NO. Se togli il NO dalla tua vita ne sentirai la mancanza. Tutto sta a sapere quando e come devi dirlo devi dirlo e come reagire quando lo ricevi, che e' poi la domanda che facevi tu. Ma non c'e' una risposta che valga per tutte, e' impossibile trovarla. L'unica cosa che posso dire con certezza e' che NO, il NO non si puo' eliminare. (Attenzione che parlo del NO in senso stretto e non del "negare aiuto" causato da egoismo, etc)

irene70
irene70

Grazie anche a te, Don, per la risposta; in effetti, ripensandoci, la "ricetta" che cercavo io più che altro sarebbe la formula magica per fare le scelte "giuste" ma questa semplicemente... non esiste! Speriamo almeno di fare "in modo giusto" ogni scelta a prescindere dal risultato! Per quanto riguarda il ricevere il No, quello personalmente non mi preoccupa molto perchè, da perfetta pessimista, parto già con l'idea di sentire ancora tanti bei No e quindi casomai mi stupisco se sento un Sì... (ma forse davvero un mondo di soli Sì sarebbe un po' noioso...) Ciao!!

paia88
paia88

E' vero. ciò che si crea intorno a noi viene dalla nostra volontà. Se noi vogliamo amore, amore sarà.

emi_3000
emi_3000

Esattamente. Il guaio è che a volte subentrano o esistono già fattori che condizionano la nostra volontà e ci impediscono di agire liberamente. C'è un detto che dice: " Avremmo bisogno di tre vite: una per sbagliare, una per correggere gli errori, una per riassaporare il tutto".

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

oppure accedi con email e password. Non hai ancora un account? Registrati.

oppure usa email e password. Hai già un account? Accedi.

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere un'email e scegliere una nuova password.

{{ errors.first('authentication') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
{{ errors.first('email:server') }}
Inserisci una password
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.

Ricezione email

Per poterti contattare per email abbiamo bisogno del tuo permesso: inviamo una newsletter circa una volta la mese con informazioni, approfondimenti e promozioni, e una email riepilogativa periodica. Puoi accendere o spegnere le email che ti mandiamo in qualsiasi momento e puoi deciderne la frequenza mediante la pagina Notifiche.