Tumblr inline ng27v0fof31sv7di1

bagno e igiene salute e benessere zona etica alimentazione cibo fast food

don_chisciotte don_chisciotte 05 maggio 2014 — Il titolo dice gia' tutto. Mi riferisco principalmente alle grandi catene internazionali, ma non solo. Si va dalla cattiva alimentazione allo sfruttamento intensivo negli allevamenti. In uno di questi "famosi" ci ho anche lavorato anni fa quando mi trovavo all'estero e vi garantisco che anche le condizioni igieniche dietro le quinte lasciavano molto a desiderare ...e quei panini erano pieni di schifezze Quindi quando siamo fuori, per mangiare e' meglio scegliere una sana trattoria o portarsi qualcosa da casa.

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

don_chisciotte
don_chisciotte

I MEGA HAMBURGER DI OLDENBURG – CRITICA AL CONSUMISMO

“Sono per un’arte che tragga le sue forme direttamente dalla vita, che s’intrecci e si espanda… e sia pesante e grossolana, insipida, dolce e stupida come la vita stessa.”

Cosa succederebbe se improvvisamente il panino in pausa pranzo diventasse extra large trasformando il vostro “happy meal” nella scena di un film ? Niente paura, se mai dovesse succedere, sappiate che più probabilmente vi state imbattendo in una delle monumentali sculture plastiche dell’artista svedese Oldenburg, uno dei maggiori esponenti dell’arte POP, attualmente in vita. Le sue opere rappresentano infatti, con dissacrante ironia, i cibi tipici della cultura americana, tipicamente legati al “consumo di massa”, una critica irriverente e beffarda, alla società contemporanea, cavallo di battaglia dell’artista che dà vita a gigantesche riproduzioni in stoffa di panini, patatine fritte, roast beef, gelati e hamburger e che spesso sono state posizionate negli angoli delle strade delle grandi città statunitensi. Claes Oldenburg, nato a Stoccolma nel 1929, inizia la sua carriera artistica negli anni ‘50 a New York, con i suoi primi happenings, dopo una formazione umanistica presso l’Art Institute di Chicago. La sua arte si concentra sul consumo dei cosiddetti “cibi spazzatura” che spopolano sulle tavole dell’iper-nutrita società americana, prodotti alimentari che diventano orribili oggetti commerciali, prodotti industriali, oggetti snaturalizzati, ingigantiti, realizzati talvolta con poco attenzione puntando ad una resa imperfetta, fatta di colature di colore e forme poco definite e dipinte con colori forti e sgargianti. La scelta dell’oggetto quotidiano, facilmente reperibile in qualunque supermercato o locale e riprodotti dai cartelloni pubblicitari, o nei fast-food è alla base della filosofia della POP ART, come poi verrà riproposto dal grande Andy Warhol, che farà della scatola di fagioli o del fusto di detersivo i suoi soggetti preferiti. In questo caso l’artista porta avanti una critica al mercato e al consumo di massa, smantellando i valori dell’arte, scegliendone modelli popolari. L’arte di Oldenburg tuttavia mantiene le caratteristiche riscontrabili nell’ambito del New Dada, definendo così il suo lavoro una continua ricerca tra le varie tendenze artistiche del Novecento. Il tema scelto è estremamente attuale e la critica portata avanti dall’artista è assolutamente riproponibile ai giorni nostri, dove una cultura sempre più spicciola sul cibo, i ritmi frenetici della vita e la i continui messaggi pubblicitari a cui siamo sottoposti, ci portano a consumare il cosiddetto “junk food” invece di prediligere pietanze fatte in casa e cibi di provenienza sicura. Un esempio incalzante è proprio il tipico hamburger del McDonald’s, o di un qualunque altro ristorante fast-food, per cui i bambini vanno pazzi, soprattutto con l’aggiunta di patatine fritte, e non solo loro! Quanti di noi durante la pausa pranzo, in vacanza o semplicemente la sera, magari prima di un cinema, non predilige un pasto veloce veloce e spesso poco salutare!? Niente di male, se rimaniamo nei limiti del “qualche volta accade che …”, ma la verità è che fare un panino in casa, con carne scelta, verdura di provenienza sicura e perchè no un po’ di salsa al pomodoro è davvero facile e allo stesso tempo veloce, di certo si guadagna di salute e di gusto! La critica di Oldenburg e dei suoi seguaci, alla quale uniamo la nostra voce, è proprio questa: “smettiamola di essere solo dei consumatori, diventiamo consumatori consapevoli”.

Fonte dauriziochiara.com

gretagolia_granitas
gretagolia_granitas

A questo proposito consiglio, a chi non lo avesse ancora visto, il docu-film Super Size Me. Un esperimento portato del regista che per 30 giorni ha mangiato solamente cibo di fast food McDonald's, tre volte al giorno (colazione, pranzo e cena), ogni giorno - interrompendo l'attività fisica - e documentando tutti i cambiamenti fisici e psicologici avvenuti. Oltre a questo, Spurlock esplora l'enorme potere della catena sull'industria dei fast food e come questa incoraggi un'alimentazione povera per massimizzare il proprio profitto andando a visitare diverse scuole per vedere cosa danno da mangiare nelle mense scolastiche continua a leggere su Wikipedia

luna
luna

Stendiamo un velo di pietoso silenzio su quello che si mangia in quelle famose catene, sugli ingredienti, su come vengono preparati, anche sul modo di consumare il cibo, appunto very fast. Ormai su internet volendo ci si può informare sulla realtà che ci sta dietro, ma purtroppo vedo che c'è ancora un sacco di gente che va a "mangiare" in quei posti e cosa ancora più grave, ci portano pure i bambini, che ovviamente si divertono e sono sempre ben disposti a mangiare cose poco sane, se gliene dai la possibilità e nn li educhi diversamente.

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.