Merci contraffatte

guardaroba e lavanderia zona etica contraffazione falsi griffe imitazioni inquinamento marchi sfruttamento

don_chisciotte don_chisciotte 27 gennaio 2015 — Aldila' delle classiche e validissime argomentazioni etiche che ci dovrebbero far riflettere per rinunciare agli acquisti di merci contraffatte (lavoro nero, sfruttamento, inquinamento, utilizzo di materiali pericolosi per l'uomo e per l'ambiente, etc) c'e' un risvolto psicologico a cui spesso non si pensa e che vorrei evidenziare.

Spesso sono le persone facoltose che acquistano merci contraffatte. Questo perche' su di loro e' piu' difficile che si insinui il dubbio che stiano indossando dei tarocchi. Addirittura ho scoperto che ci sono persone molto ricche che posseggono oggetti griffati di valore (per esempio orologi) ma che ricercano anche ottime imitazioni degli stessi per poterli indossare senza rischiare granche' se vengono derubati. Questo e' veramente un controsenso ma vi assicuro che succede davvero (in questo modo si possiede un originale da tenere a casa al sicuro ed un'imitazione che serve per ostentare).

Per quanto riguarda invece le persone non facoltose che ambiscono al marchio per poter essere anche loro qualcuno (...o meglio qualcosa direi io...), personalmente penso che sia veramente "triste sentirsi felici" perche' si e' potuto accedere ad un bene di lusso che non e' alla nostra portata attraverso un'ottima imitazione dello stesso. Senza contare che in questo caso l'aspetto psicologico gioca a sfavore perche' un oggetto griffato indossato da una persona non facoltosa insinuera' sempre il dubbio negli altri che questo sia falso (anche quando lo stesso e' davvero originale).

Io penso che sia giunto il tempo di liberarci da tutte queste catene che offuscano la nostra mente limitandone le capacita'.

Comincia subito il tuo diario delle buone pratiche green.
Dai il Contami e migliora goccia a goccia le tue abitudini.

Lascia un commento

Che cose ne pensi?
Accedi o iscriviti per commentare.

frency1972
frency1972

Per quanto mi riguarda non ho mai cercato l'oggetto firmato, anzi!!!! Oltretutto, avendo lavorato in una fabbrica dove si lavoravano anche (e soprattutto) grandi firme, posso assicurare che le cose firmate non sono sinonimo di maggiore qualità rispetto alle cose non firmate, addirittura in questo momento pure loro vengono fabbricate in Cina.

don_chisciotte
don_chisciotte

Hai ragione francy ed infatti, come avevo gia' commentato in un'altra Buona Pratica, quando compriamo un oggetto griffato paghiamo soprattutto i costi pubblicitari che possono arrivare ad incidere anche per l'80% del valore del prodotto. Negli ultimi vent'anni le aziende hanno investito le loro risorse solo sul marchio e non sulla qualita'. Tutto e' concentrato sull'immagine, attraverso pubblicita' e marketing mentre la produzione viene decentralizzata dove la manodopera costa pochissimo e spesso di bassa qualita', creando quindi sfruttamento. Per questo motivo bisognerebbe smetterla di comprare oggetti "di marca" ma se una persona vuole pagare la pubblicita' perche' desidera avere a tutti i costi l'oggetto che si vede in TV o nei cartelloni luminosi...si accomodi pure! Il mercato parallelo del falso non fa altro che peggiorare questa situazione dello sfruttamento e crea nelle persone delle stupide illusioni di avere fatto ottimi affari (perche' e' identico all'originale...). Basta "marchi" quindi, originali o tarocchi che siano!

irene70 - disiscritto
irene70 - disiscritto

Conoscevo una persona che "partecipava" a questo mercato del falso e del "sotto banco" di lusso e mi ha raccontato davvero le famose "cose che voi umani...!"; tanto per dirne una, ci sono borse che per far vedere che sono "vere" hanno non so che certificato, e quel certificato da solo costa circa 150/200 euro: la maggior parte delle clienti si accontenta della borsa senza cartina ma alcune la pretendono anche se questo vuol dire spendere di più (e considerato che si sono rivolte a quel fornitore per risparmiare rispetto al costo di negozio è un fatto abbastanza... curioso) perché, dicevano loro, "... se poi le mie amiche vogliono vedere se è vera o taroccata..."! Anche per me i "marchi" da esibizione, veri o falsi, sono una cosa del tutto assurda e dannosa (... quasi quasi mi sento anche in colpa perché ho quella parola per cognome :D)!

Utente disiscritto
Utente disiscritto

Se può interessare c'è questo progetto ireneri.it

don_chisciotte
don_chisciotte

Ho visto persone che provavano frustazione di fronte ad un borsa molto ben contraffatta di Gucci. Valore dell'originale circa 500 euro. Prezzo della borsa contraffatta 150 euro. Siccome era ancora troppo cara per le loro tasche erano indecise sul da farsi. Sono uscite dal negozio, poi dopo poco ci sono rientrate ed hanno rivalutato il tutto. Sono uscite con una borsa di un'altro marchio (sempre contraffatta), pagandola 70 euro. Ma comunque lo reputavano un acquisto poco soddisfacente perché loro ambivano in realtà a quella di Gucci contraffatta da 150 euro. Assurdo! Bisogna liberarsi da queste catene!

Iscriviti con Facebook

Accedi con Facebook

Spunta la casella per accettare termini e condizioni.

Iscriviti con email e password

Accedi con email e password

Recupera la password

Se non ti ricordi la password inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un'email con un link per sceglierne una nuova.

{{ errors.first('authentication') }}
{{ errors.first('email') }}
Inserisci l'email
Hai inserito un email non valida
Inserisci una password
{{ errors.first('username') }}
Scegli un nome utente
Massimo 20 caratteri: maiuscole, minuscole, _ e numeri. No accenti, no spazi.
{{ errors.first('username:server') }}
Inserisci una password
{{ errors.first('password:server') }}
Ripeti la password per confermarla
Ripeti la password per confermarla
Spunta la casella per accettare termini e condizioni.
{{ errors.first('recaptcha') }}

Trattamento dati

Usando Contiamoci consenti ai titolari del sito di trattare i tuoi dati personali. Trovi tutti i dettagli nella privacy policy. Per comodità, riassumiamo così: tratteremo i tuoi dati con molta, molta cura, li useremo per far funzionare al meglio Contiamoci e non li rivenderemo nè li cederemo a nessuno.